Difficoltà
7 giorni
Giorni

Il paesaggio del Cilento interno è per molti versi ancora integro, vi si trovano montagne e gole tra le più belle d’Europa, corredate da borghi, cappelle rurali e ponti medievali, dove è ancora possibile incontrare il contadino d’una volta. L’interno del Parco Nazionale sembra un’area dove il tempo si è fermato. Ancora oggi vi si trovano tranquillità ed un paesaggio rurale tradizionale (con tutti i suoi prodotti genuini!). Questo vale soprattutto quando ci si allontana dalle strade asfaltate, percorrendo le mulattiere che già nel Medioevo venivano percorse dagli agricoltori, pastori e commercianti.
Questo tour è un cammino per chi vuole assaporare l’autentico spirito di questi luoghi che si svela ad ogni passo, e ad ogni sosta! Tutte le escursioni sono in compagnia di guide escursionistiche esperte con una profonda conoscenza del territorio e dei suoi tesori, che guidano piccoli gruppi in tutta sicurezza lungo i sentieri più belli. Durante questo viaggio avremo la possibilità di assaporare questo mondo a pieno: vedremo dei panorami stupendi, percorreremo i sentieri di montagna e di fiume sulle tracce dei pastori e di mulattiere tra borghi storici. Vedremo dei fenomeni geologici spettacolari: un fiume che scompare nella terra ed un altro che riemerge dalle profondità della terra, una combinazione di natura e cultura irresistibile!

Il viaggio parte da Paestum e prosegue verso l’interno del Cilento per avventurarsi nella Valle del Calore. Il primo giorno ci troviamo a Felitto, antico borgo abbarbicato su una roccia da dove parte uno dei più suggestivi percorsi d’acqua: le Gole del Calore. Incastonate in una profonda vallata a picco sul fiume le Gole del Calore costituiscono un paesaggio ancora integro nella sua selvaggia bellezza. In questi 120 ettari di terreno protetto, dal ponte medievale situato a valle di Felitto fino ai confini con il territorio di Magliano, regna un silenzio irreale ove emergono sensazioni ormai dimenticate.

Si risale la valle del fiume verso Laurino, una visita alla cappella di Sant’Elena e poi fino all’entrata della Valle Soprana, fino a raggiungere uno dei fenomeni carsici più interessanti della zona: la Grava di Vesalo. Scendendo arriviamo al borgo di Valle dell’Angelo per degustare la famosa cucina Slow Food della Piazzetta. Il quarto giorno per i temerari è prevista una camminata in vetta al gigante della Campania, con le sue neviere e la madonna della neve.

Il quinto giorno lasciamo la valle del Calore e iniziamo a dirigerci verso gli Alburni facendo una tappa prima alle stupende sorgenti del Sammaro per un bagno rinfrescante e poi camminando lungo un vecchio sentiero arriviamo a scoprire la Pompei del 900, Roscigno Vecchia. Dove è ancora possibile far visita all’unico e solo abitante! Da qui l’ultimo transfer per Sant’Angelo a Fasanella ci darà la possibilità di visitare uno dei paesi più interessanti degli Alburni. A Sant’Angelo faremo visita a uno dei luoghi considerati patrimonio Unesco: la grotta di San Michele, una chiesa interamente allestita dentro una grotta naturale e poi una camminata alle fresche sorgenti dell’Auso.

La settimana si conclude qui. Per chi vuole può dedicare l’ultimo giorno alla vetta del Panormo oppure può essere trasferito in stazione verso Napoli.

ARRIVO Felitto
PARTENZA Sant’Angelo a Fasanella
LIVELLO DI DIFFICOLTA’ Medio – Facile 2
FITNESS Per lo più passeggiate semplici, anche se alcune includono salite o sentieri con fondi irregolari e non sempre agevoli.
LA QUOTA COMPRENDE
2 pernottamenti in agriturismo a Felitto*** – Mezza pensione
2 pernottamenti in agriturismo a Valle dell’Angelo*** – Mezza pensione
2 pernottamenti in agriturismo a Sant’Angelo a Fasanella*** – Mezza pensione
Trasporto bagagli & transfer come da programma
5 giorni di escursioni guidate con guida qualificata
NON INCLUSO
Transfer all’arrivo e alla partenza
Tasse di soggiorno
Assicurazione di viaggio
Cibi e bevande non menzionate nel programma
Escursioni o attività extra
Mance
Articoli di natura personale
Tutto quanto non elencato sotto la voce “la quota comprende”
PERNOTTAMENTI EXTRA ED ESTENSIONI E’ possibile includere notti extra in tutte le località incluse nel tour. Vi forniremo anche itinerari aggiuntivi per i giorni che vorrete aggiungere al tour standard!
Dettagli e prezzi su richiesta. E’ possibile prenotare versioni più lunghe o più brevi dei nostri tour, e personalizzarli in base alle vostre esigenze. Contattateci per ulteriori informazioni.
DOWNLOAD DETTAGLI Scarica versione Pdf
1

Arrivo a FELITTO, nel Cuore del Cilento (Visita PAESTUM)

Arrivo in macchina o treno a Capaccio/Paestum (facilmente raggiungibile da Napoli). Potete visitare le rovine dei templi greci prima di andare a Felitto. Coloro che viaggiano in macchina possono lasciarla qui (verrà organizzato un transfer dall’ultimo alloggio per il recupero). Prima di cena facciamo una breve passeggiata lungo le sponde del Fiume Calore.
Pernottamento: Agriturismo  Felitto – Mezza Pensione
Distanza: 7,5 km. Durata: 4-5 ore.
2

Giorno 2 - Felitto, il paese del Fusillo & le Gole del Calore

Il fiume Calore ha scavato nel tempo suggestive gole, soprattutto nel tratto compreso tra Felitto e Magliano Nuovo. Qui c’è il ‘canyon’ del Cilento, le stupende Gole del Calore, ed è qui che si svolge la passeggiata che oggi ci porterà in uno dei paesaggi più suggestivi del Parco. Dopo una breve visita al laboratorio artigianale dei fusilli felittesi in Piazza Mercato iniziate la vostra camminata tra marmitte dei giganti-fori circolari scavati nella roccia, ponti di pietra naturale, cascate e la vecchia casa di un eremita. Immersi nella vegetazione più varia il percorso dà la possibilità di diverse soste per un bagno rinfrescante e punti panoramici che affacciano direttamente sulle gole. Il giro ad anello ritorna nella zona attrezzata di Remolino (‘del mulino’) dove una piccola diga calma il fiume e dà la possibilità di visitare questo incantevole canyon anche con il pedalò o la canoa. Potete fare una breve sosta (e forse un bagno) qui, prima di tornare a Felitto. Una volta tornati al paese potete scegliere di essere prelevati oppure decidere di percorrere l’ultimo tratto fino al vostro fantastico agriturismo.
Pernottamento: Agriturismo  – Felitto – Mezza pensione
Distanza: 12 km. Durata: 4-5 ore.
3

Giorno 3 - Uno scrigno nascosto: la Grava di Vesalo

Dopo colazione un breve transfer ci porta da Felitto a Laurino. Arrivati a valle del centro storico di Laurino si scavalca un bel ponte medievale ad arco, percorrendo un sentiero che raggiunge in breve tempo la cappella rurale di S. Elena, dove una sorgente getta le sue acque nel fiume Calore. Ed è proprio da qui che inizia la risalita della solitaria e selvaggia valle Soprana, tra le guglie rocciose dello Scanno del Tesoro, vecchi casolari e splendidi boschi di faggio. Al culmine della valle si giunge finalmente alla grava di Vesalo: un inghiottitoio che supera i 70 metri di profondità!
Qui la natura si esprime in maniera egregia suscitando suggestioni di un territorio unico per il suo ambiente integro e senza “interferenze” umane. Nel cielo volteggiano in genere varie specie di volatili e la radura interamente circondata da una cornice di faggi secolari è a volte frequentata da cavalli allo stato brado. Poco distante vi è il torrente Milenzio le cui modeste acque “precipitano” proprio nella grava per poi scomparire nelle viscere della terra con un ignoto percorso sotterraneo che sfocia nei pressi di Laurino, sotto forma di sorgive che vanno ad alimentare il fiume Calore.
Dopo una pausa pic nic per godere di questa immensa pace e bellezza si torna indietro fino all’incrocio di Gorgo Nero dove una vecchia mulattiera vi porta fino al piccolissimo paese di Valle dell’Angelo dove potete godere in serata della fantastica cucina Slow Food della Piazzetta.

Pernottamento: Albergo diffuso – Valle dell’Angelo- Mezza Pensione
Distanza: 15 km. Durata approssimativa: 5 -6 ore (in alternativa: 10 Km – 4 h)

4

Giorno 4 - La vetta del Monte Cervati

Oggi chi vuole può arrivare sulla vetta più alta della Campania! Una passeggiata impegnativa, ma che vale la pena. Partendo dal centro storico di Piaggine (transfer fino in quota possibile) si ripercorre il vecchio sentiero che la popolazione locale frequentava per raggiungere la montagna del Cervati. Il percorso parte dal ponte sul fiume Calore e inizia a salire per raggiungere la Nevera, prossima alla vetta del Monte Cervati. Prima di arrivare in vetta si fa una sosta presso la madonna della neve, meta di pellegrinaggi che si perpetuano da secoli.
Da qui il paesaggio si apre su una profonda conca come se fossimo sul crinale di un cratere. Una volta raggiunta la vetta tornate indietro percorrendo l’altro lato della montagna che vi darà la possibilità di fare una sosta al Rifugio Rosalia per una bevanda fresca prima del ritorno al paese di Piaggine.
Pernottamento: Albergo diffuso – Valle dell’Angelo- Mezza Pensione
Distanza: 15 km. Durata: 5 – 6 h.
5

Giorno 5 -Nel cuore del Parco: Sacco e Roscigno Vecchia

Oggi facciamo un tuffo nel passato tra alcuni dei borghi medievali più belli del Cilento: Sacco e Roscigno Vecchia. Partendo dal paese di Piaggine si percorre un vecchio sentiero che raggiunge il piccolo borgo di Sacco, da qui si raggiunge il sito archeologico di sacco vecchia insediamento di Longobardi e di monaci basiliani. Nel sito si può ancora ammirare il rudere della chiesa di San Nicola del VI sec e uno stupendo panorama che si affaccia sulla valle. Un sentiero di vecchie scale vi permette di ridiscende e di arrivare ad un altro posto suggestivo di questo fantastico borgo: le sorgenti del Sammaro. Una gola lunga 1600 metri al cui sbocco sono presenti due sorgenti molto vicine. Un posto perfetto per fare una sosta picnic e godersi lo scenario di queste pareti di roccia verticale a picco su pozze e laghetti. Dopo questa sosta rinfrescante si continua il sentiero fino ad arrivare al centro della ‘la Pompei del 900’, un posto dove l’orologio sembra essersi fermato. Conservando l’architettura del passato, Roscigno Vecchia è diventato un paese fantasma con un solo abitante che fa da benvenuto ai nuovi visitatori! Dopo una visita tra vicoli e vecchie case di Roscigno Vecchia si risale verso la piazza centrale della nuova Roscigno per una breve sosta ristoratrice a poi un breve transfer a Sant’Angelo a Fasanella. Dall’agriturismo dove dormiamo si gode uno splendido panorama.
Pernottamento: Agriturismo – Sant’Angelo a Fasanella – Mezza Pensione
Distanza: 14 km. Durata: 5 ore.
6

Giorno 6 - Grotta di San Michele Arcangelo & le Sorgenti dell’Auso

Concludiamo questo tour nella zona degli Alburni. Alle pendici di questi meravigliosi monti si trova Sant’Angelo a Fasanella antico borgo immerso in un incantevole scenario naturale, circondato da montagne, falesie, boschi di faggio, grotte, corsi d’acqua e cascate. Ma la vera meraviglia di questo paese sono i due patrimonio Unesco presenti sul territorio: la Grotta di san michele arcangelo e le sorgenti dell’Auso. Prima di incamminarvi per il sentiero che dal paese porta alle sorgenti vi lasciate guidare dal custode della Chiesa di San Michele che tra storia e aneddoti del posto vi farà scoprire un luogo affascinante. Si accede al santuario da un portale del Quattrocento e all’interno, un colpo d’occhio di grande fascino per la presenza di numerose opere: un ricco altare seicentesco su cui troneggia San Michele Arcangelo; un’altissima edicola di stile gotico; un pozzo con ceramiche napoletane del XVII secolo; la tomba di Francesco Caracciolo e lo stemma della famiglia scolpito su pietra; una statua della madonna con Bambino del Trecento; un organo e un altare del Seicento dedicato all’Immacolata. Finita la visita vi incamminate poi verso le sorgenti. Nei pressi della sorgente c’è un ponte in pietra ad unica arcata con profilo a schiena d’asino, si trova su un percorso viario che un tempo collegava Ottati con Sant’Angelo a Fasanella, conosciuto come ponte romano, ma in realtà si conosce l’epoca della sua costruzione. Dietro al ponte ci sono i resti di un vecchio mulino con macina in pietra, alimentato dalle acque provenienti dalla sorgente dell’Auso o dell’Abisso,260 m di profondità. Terminata la passeggiata potete godervi il tramonto dalla terrazza dell’agriturismo prima di degustare i prodotti tipici del territorio.

Pernottamento: Agriturismo – Sant’Angelo a Fasanella – Mezza Pensione
Distanza: 12 km. Durata: 5 ore.

7

Giorno 7 - Partenza

Dopo la colazione in agriturismo, il tour finisce. Su richiesta si organizzano i transfer di ritorno, per riprendere le macchine, oppure alla stazione di Paestum. Per chi non ha mai visitato i templi una visita è fortemente consigliata.
  Date Prezzo Suppl.Sing. Suppl.Solo Days  
17 August - 23 August 2020 € 525,00 € 80,00 - - - 7
25 September - 01 October 2020 € 525,00 € 80,00 € 80,00 7

  • DisponibileDisponibile.
  • Partenza garantitaPartenza garantita.
  • Disponibilità limitataLa disponibilità è limitata in queste date, affrettati se vuoi prenotare questo tour!
  • Disponibilità e prezzi su richiestaDisponibilità e prezzi su richiesta.
  • Disponibilità terminataDisponibilità terminata.
  • I prezzi sono da intendersi “a persona” in camera doppia.
  • Le camere singole (o doppie ad uso singola) sono disponibili per la maggior parte dei tour con il supplemento indicato.
  • Se viaggi da solo, su alcuni viaggi (che includono trasferimenti privati) potrebbe essere applicato un supplemento “Solo” piuttosto che il supplemento singolo.
  • I prezzi sono espressi in euro.
  • Gli attuali tassi di conversione: GB £US $CAN $CHFDKKSEKNOKAltre valute.

Recensioni del Viaggio

5.00 based on 1 recensione
25 Agosto 2020

Prendete…
Un olandese innamorato del cilento(Peter) che organizza cammini…
Una cilentana tutto pepe(Raissa) guida escursionistica…
Tanti luoghi, sentieri, borghi, vette, gole, sorgenti, cascate, grotte e persone speciali…
Shakerare il tutto ed il risultato è… il tour perfetto.
#provareXcredere

Lascia una recensione.

Voto